Il presidente Mitch Daniels parla con Kip Tom alla Fowler Hall per la settimana dell’agricoltura | Città universitaria

Kip Tom, l’ex ambasciatore delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, ha parlato della sua azienda agricola familiare di sette generazioni e dell’importanza dell’analisi dei dati in agricoltura durante il dialogo presidenziale martedì.

Tom tocca la fattoria a conduzione familiare e l’importanza dell’analisi dei dati

Tom, che ha servito come capo della Missione degli Stati Uniti presso le agenzie delle Nazioni Unite a Roma dal 2019 al 2021, ha parlato con il presidente della Purdue Mitch Daniels, che ha iniziato la discussione con un retroscena sulla sua relazione con Tom.

“Il nostro ospite stasera e io torniamo indietro di un bel po’, e ho imparato così tanto da lui, così come tu nella prossima mezz’ora”, ha detto Daniels, “Ma penso che sia giusto dire che hai il lato pubblico di la tua vita che ora ha portato a così tanti grandi contributi nella città di Leesburg, dove hai ospitato un candidato senza nome per la prima volta.

Daniels ha continuato chiedendo a Tom di raccontare la storia della fattoria della sua famiglia.

“Beh, sì, non entrerò nei dettagli e ci vorrebbe molto tempo per parlare di quella storia del 1837”, ha detto Tom. “Ma quando sono sbarcati nel nord dell’Indiana, loro (i parenti di Tom) sono venuti con nove bambini a bordo”.

Crescere in una famiglia numerosa significava che aiutava spesso nella fattoria, ha detto Tom.

“Sono cresciuto in una famiglia di cinque figli, un fratello e tre sorelle”, ha detto. “Mamma e papà ci hanno cresciuto in quello che era veramente tipico in una fattoria del Midwest di circa 250 acri. Eravamo la forza lavoro di papà nella fattoria”.

Tom ha detto di aver perso suo fratello mentre era al college all’Università dell’Indiana, dopodiché ha deciso di tornare a casa e stare con suo padre e lavorare nella fattoria. Tom e la sua famiglia hanno trasformato i 250 acri di terreno agricolo in una potenza internazionale che ha fattorie fino all’Argentina.

Gran parte del suo successo, secondo Tom, includeva un’enorme enfasi sull’analisi dei dati. I genitori di Tom lavoravano con un professore di economia qui alla Purdue nei primi anni ’60.

“Se torni indietro nei primi anni ’50 e ’60, le persone non tenevano i libri”, ha detto. “Ricordo quel professore che entrava e sedeva al tavolo della cucina con mia madre e mio padre.

“Ha presentato loro questo libro mastro rosso in cui potresti effettivamente tenere traccia delle tue entrate, delle tue spese e di quali erano i profitti, e quali sarebbero le tue tasse stimate riguardo al tuo costo della vita e tutto il resto.”

Questo incontro con il professore ha aiutato la famiglia di Tom a capire che l’agricoltura era più un business che uno stile di vita.

“Direi che è iniziato l’inizio di quando abbiamo iniziato davvero con questo come attività, con quel semplice passo nei primi anni ’60”, ha detto.

Tom ha anche sottolineato l’importanza del lato analitico dell’attività nel settore agricolo.

“Abbiamo fatto quella che immagino sia l’ovvia osservazione che l’analisi dei dati deve essere universale come parte di qualsiasi istruzione”, ha affermato. “Qualsiasi disciplina ha una composizione inglese nel suo insieme, ma probabilmente ci sono pochissime aree in cui (l’analisi dei dati) sarebbe più applicabile dell’agricoltura”.

Tom ha affermato che affinché l’economia agricola rimanga a galla, le grandi aziende agricole e le industrie devono tenere saldamente in mano i propri dati e utilizzarli per contribuire a creare migliori rese di prodotto per il futuro.

Il presidente Daniels ha chiesto a Tom come sarebbe l’uso dei dati per il futuro dell’agricoltura.

e?”

Tom ha risposto che l’agricoltura è manifatturiero. Ha inoltre sottolineato che, attraverso la comprensione e l’utilizzo dei dati raccolti e creati, l’azienda agricola nel suo insieme può sfruttare appieno le risorse e il capitale che ha da offrire e aumentare la resa dei prodotti.

“Diciamo che forse hai un insieme definito di risorse che devi gestire in modo strutturato con una tabella prevedibile”, ha detto. “Sai, ci sono un paio di elementi che possiamo controllare, oltre al tempo. Ma se riesci a gestire queste altre cose, puoi davvero rafforzare la capacità di aumentare il risultato”.

Verso la fine del discorso, Tom ha detto per tutta la vita di aver appreso che l’istruzione non finisce mai e che per rimanere al passo con le innovazioni nel campo, è necessario “allungarsi costantemente”.

“Una cosa che ho imparato è che non abbiamo mai finito di educare noi stessi”, ha detto. “Sfido ognuno di voi qui stasera a continuare una volta che lascerete questa grande istituzione, a continuare a istruirvi, ad allungarvi”.

.

  • Add Your Comment